Kashmir e Ladakh - Paesaggi Himaliani e Monasteri Buddisti

Durata :9 Notti e 10 Giorni
Destinazioni : Delhi - Srinagar - Sonamarg - Kargil – Mulbekh - Lamayuru - Uleytokpo - Rizong – Alchi – Likir - Leh - Lago Pangong - Leh - Delhi

01° Giorni: Italia - Delhi - Srinagar
Arrivo a Delhi con il volo Intercontinentale. Dopo le formalità doganali e il ritiro dei bagagli, avverrà l’incontro con il nostro personale locale e trasferimento ai voli domestici e partenza con il volo per Srinagar. Srinagar, città fondata quasi 2000 anni fa dal re Pravarasena II ad un’altezza di 1700 m. Il nucleo cittadino si è sviluppato su entrambe le sponde del fiume Jhelum . Oggi è una grande città ed è conosciuta per i laghi e le famose case galleggianti chiamate "Houseboat" del Kashmir.

Assistenza all’arrivo in aeroporto e trasferimento con auto privata nella zona delle famose HouseBoat : case galleggianti cullate dalla acque dei due laghi, divennero numerose verso la fine dell'ottocento, in quanto il Maharaja della città non permetteva agli inglesi di possedere dimore nella valle. Vennero così costruite lussuose houseboat, alcune delle quali sopravvivono e conservano ancora oggi il fascino "Old England".

Il Kashmir é la gemma sulla corona himalayana dell'India Srinagar ne è la capitale e pur trovandosi in terra prettamente montana è a tutti gli effetti una città acquatica: sorge infatti sulle rive del lago Dal e le sue ramificazioni, Lokut Dal e Bod Dal, incorniciati dalle cime innevate durante buona parte dell'anno. Sul centro città incombe la fortezza costruita su di un'altura dall'imperatore Akbar, si dice per contrastare la terribile carestia che decimava la popolazione e fornire impiego retribuito con la sua edificazione. Oggi è sede dell'esercito indiano e dunque la sua visita non è consentita. Su lago Dal vivono da secoli intere comunità a bordo di case galleggianti, senza necessità di scendere mai a terra, perchè tutta la loro vita si svolge sull'acqua, a bordo delle tipiche imbarcazioni, Shikara. I mercanti, il dottore, il sarto, il fiorista... tutto arriva navigando. E' unluogo di straordinaria bellezza, tempestata di boschi di Deodar, di paesini sospesi in un cielo perennemente cobalto e di prati fioriti.
Dopo un riposino ,l'escursione in barca sul Lago Dal, reso ancora più affascinante dalla fioritura estiva dei loti. Pasti e pernottamento abordo della Houseboat.

02° Giorni: Srinagar
Pensione completa e pernottamento in Hosueboat.
Mattinata inizio alla visita di Srinagar, resa capitale dai Moghul che costruirono attorno al lago dei romantici giardini terrazzati, creato dall'imperatore Moghul Jehangir ,il Nishat ( (Giardino delle delizie) o lo Shalimar (Giardino dell'Amore), che fu creato dall'imperatore Jehangir per la sua regina, Nur Jahan, e che acquista il suo massimo splendore nelle sere di autunno. Ma l'intera regione è un magnifico giardino naturale, con frutteti, fiori e scenari unici in tutto il Paese.Moghul per sua moglie.

Nel pomeriggio è prevista una visita nella città vecchia si dipana lungo le rive del fiumeJelhum ed è dominata dalla Jamia Masjid, dal santuario ligneo dal verde tetto a pagoda di Shah Hamdan, costruito nel XV° secolo dal sultano Sikander in memoria di Mir Syed Ali Hamdani, considerato il diffusore dell'Islam nella regione. Sucessivamente visita alla Jama Masjid, la grande moschea di Srinagar che si trova poco lontano dal ponte Zaina Kadal. Sarebbe stata costruita nel 1398 da Sikandar Shah e più volte distrutta dal fuoco. La moschea bell'esempio dell'architettura indo saraceno, cadde in disuso per diverso tempo, solo nel 1914 iniziarono i lavori di restauro per essere poi restituita ai fedeli. Costeggiando il fiume si raggiunge la zona coloniale, dove oggi hanno sede i musei e molte botteghe, ove acquistare prodotti del celebre artigianato del Kashmir. Rientro in Houseboat e pernottamento.

03° Giorni: Srinagar - Sonamarg - Kargil (circa 220 km, 7/8 ore di viaggio)
Dopo la Prima colazione, inizio del viaggio alla scoperta del Ladakh conosciuto anche come' Il Piccolo Tibet è una regione di grandissimo fascino, di immensi silenzi, antichissime e immutate tradizioni e sorprendente spiritualità.Partendo con con le auto private si parte alla volta di Kargil. Lasciati Srinagar e il verde del Kashmir, si arriva a Sonamarg, situato in una valle tra ghiacciai e placidi laghi, i fianchi delle montagne sono ricoperti da grandi foreste d'abeti argentati, sicomori e betulle: è uno degli ultimi avamposti di una natura incontaminata e sontuosa.Valicato il passo Zoji La a 3500m. di altitudine, si entra nel Ladakh, la terra dei passi, una terra magica, completamente abbandonata dalla natura rigogliosa del Kashmir e di tante altre zone himalayane.Si scende a Dras, la seconda località più fredda del mondo prima di arrivare a Kargil. Kargil, a metà strada tra Srinagar e Leh, è un piccolo paesino che segna la divisione tra i distretti del Kashmir, ed è anche il punto base per salire nelle regione dello Zanskar in Ladakh. All'arrivo a kargil, sistemazione in hotel e pernottamento.

04° Giorni: Kargil – Mulbekh - Lamayuru - Ri Dzong - Alchi (circa 230 km, 6/7 Ore di viaggio)
Prima colazione in hotel. Il viaggio si riprende verso Alchi . La prima sosta sarà a Mulbekh, che con il suo monastero e la gigantesca statua di Maytria Buddha, alta 10 metri e scavata nella roccia viva, segna la fine della zona a prevalenza mussulmana e inizio della zona Buddhista.
Da qui la strada si inerpica fino al Passo Namikala (3962 m) per poi scendere a Budkharbu (2700 m) dove in un'oasi di verde, tra maestose montagne, inizia l'ascesa che porta al Passo Fotula (4396 m), il punto più alto di tutto il percorso. Il paesaggio è spettacolare, molto vario e spesso il percorso è fiancheggiato dal fiume Indo.

Scendendo dal passo, si arriva al Monastero di Lamayuru , E' il più antico dei Monasteri del Ladakh ed è composto da edifici costruiti ai piedi della parete scoscesa della montagna, ed offre un panorama meraviglioso. Nel XI secolo il grande saggio indiano Naropa si fermò per diversi anni in una grotta , seguito poi da Rinchen Sangpo, colui che costruì 108 monasteri uno di questi era Lamayuru. Nel'XI secolo il grande saggio indiano Naropa si fermò per diversi anni in una grotta, seguito poi da Rinchen Sangpo, colui che costruì 108 monasteri, uno di questi era Lamayuru.

Terminata la visita e il viaggio si prosegue alla volta di Alchi , passando per Khalsi e dopo aver attraversato una regione arida e impervia si raggiunge il Monastero di Ri dzong e' costruito sulla cima di un detriti glaciali che chiude una tortuosa goa.Fondato intorno al 1840 dalla setta gelugpa, i suoi monaci osservano un regime austero. Questo fantastico complesso, si innalza ai piani sovrapposti lungo il pendio di una collina.E' occupato dalla etta dei "Berretti Rossi" in una bellissima posizione con un panorama spettacolare della valle. Ritenuto tra i più ascetici del Ladakh, che sembra quasi sospeso alla chiusura di una stretta valle; è molto interessante anche il convento femminile posto più in basso, verso l'imbocco della valle.Al termine delle visite, continuazione del viaggio e ai arriva ad Alchi e sistemazione in hotel e pernottamento.

05° Giorni: Uleytokpo – Alchi – Likir -Thikse - Shey Palace - Leh (Circa 112 km, 5/6 ore di viaggio)
La prima colazione in hotel. Al mattino visita di Alchi Gompa,questo Gompa,é il più antico. Si tratta del più importante centro buddhista della regione, fondato nell'XI secolo da Rinchen Zangpo, il Grande Traduttore, e fu riccamente decorato da artisti kashmiri e tibetani. All'interno è riccamente affrescato con splendide Jataka, ovvero storie della reincarnazione del Buddha.Terminata la visita e si Prosegue verso Leh, oltre la spettacolare confluenza dei fiumi Indo e Zanskar una breve deviazione porta al monastero di Likir, di tradizione Ghelupa, dominato da un'imponente statua di Maitreya; vi risiedono circa 150 monaci. Al termine, continuazione per Leh, Lungo il percorso saranno previste le soste ai Monasteri di Thikse e Shey Palace :
Monastero di Thikse : Questo fantastico complesso, si innalza ai piani sovrapposti lungo il pendio di una collina.E' occupato dalla etta dei "Berretti Gialli" in una bellissima posizione con un panorama spettacolare della vale.Il Monastero custodisce una magnifica statua placcata in oro del Buddha Maiterya chiamato anche Buddha del futuro. Shey Palace: Appartiene alla setta dei "Berretti Rossi" ed e' situato a 10 km da Leh, in amena posizione con una bella panoramica sulla vallata attraversata dal fiume Indo.
Al termine delle visite,il viaggio si continua in direzione di Leh, all'arrivo sistemazione in hotel per il Pernottamento.

06° Giorni: Leh
Trattamento di Pensione Completa e Pernottamento.
La giornata dedicata ad escursione ai monasteri di Matho, Stakna , Hemis, Chemree
Monasterom di Matho: Addossato alla catena del monte Stok che dall'alto dei suoi 6121 metri domina tutta la valle dell'Indo.Costruito nel XVI secolo, il monastero è l'unico di tutto il Ladakh ad appartenere alla scuola Sakyapa, che si rifà direttamente agli insegnamenti del Budda Sakyamuni e il cui capo spirituale del monastero è anche l'oracolo della comunità.

Monastero di Stakna : Dall'altro lato delle pianure alluvinali, rispetto a Matho, sorge Stakna Gompa, che corona una collinetta sovrastante il Fiume Indo. Il monastero fu fondato dal Lama del e questo e' evidente negli affreschi custoditi all'interno del monastero.Ci sono tre sale da preghiera collegate fra loro , alcune con gli affreschi risalenti al XVI secolo. Monastero di Hemis: il principale di scuola Kagyupa del Ladakh, importante meta di pellegrinaggi che ospita una ricca collezione di tanka di scuola Drukpa, e stupa (reliquiari) incastonati con pietre preziose.Rientro in hotel e Pernottamento. Monastero di Chemree: Arroccato su una collina rocciosa a 4000 metri di quota, Il monastero di Cheemre che si staglia su una rocca tra campi di colza e d'orzo e' uno dei monastery piu' interessanti per la sua posizione. Al termine, rientro a Leh.Pernottamento in hotel.

07° Giorni: Leh - Valle Di Nubra - Hunder (Circa 150 Km, 5/6 Ore Di Viaggio)
Trattamento Pensione completa e Pernottamento
Dopo la prima colazione in hotel, proseguimento del viaggio alla volta della Valle di Nubra è situata a nord di Leh e si raggiunge scavalcando il passo di Kardung La, che raggiunge i 5359 mt ed è il punto più alto al mondo raggiungibile con mezzi meccanici. L'impatto fisico di una salita ad una quota così elevata è attenuato con l'accortezza di non sostare troppo a lungo al passo e procedendo per la spettacolare discesa che riporta ai circa 3300 mt di quota della valle del fiume Shyok; non si ha così il tempo di subire gli effetti dell'esposizione all'aria estremamente rarefatta del passo.

Successivamente visita del monastero di Diskit, abbarbicato alle rocce, che risponde appieno a quanto potremmo immaginarci da un tempio del regno di Shambala... luogo ideale per godere di una vista superba e per gustare il tramonto sulla valle! Questo Gompa è il più antico (c.a. 350 anni) e grande (c.a. 70 monaci) di questa regione; contiene statue e affreschi molto belli. Al termine delle visite, continuazione del viaggio e si arriva Hunder per sistemarsi in hotel / campo tendato. Pernottamento.

08° Giorni: Hunder- Sumur- Monastero Ensa - Hunder
Trattamento di Pensione completa e Pernottamento.
Al mattino si lascia il campo fisso a hunder dedicando la mattinata alla parte della valle apposta a Sumur, lungo il fiume Nubra, giungendo al monastero di Samthaling, il cui abate segue anche il monastero di Rizong: entrambi sono luoghi famosi in Ladakh per la disciplina, la qualità degli insegnamenti e l'impegno con cui si dice vi vengano svolte le pratiche ascetiche.Successivamente, visita della sorgente dell'acqua Calda a Panamik.Continuazione con le visite e si prosegue per la visita del Monastero Ensa, ( visita dell'interno del monastero e' soggetto alla presenza del monoco!!),Al termine, rientro a Hunder. Pomeriggio passeggiata sulle Dune di Sabbia o possibilità di un giro su Cammello( Faccoltativo). Pernottamento.

09° Giorni: Hunder - Leh (Circa 150 Km, 4/5 Ore Di Viaggio)
Trattamento di pensione completa e pernottamento.
Al mattino viaggio di rientro a Leh superando il Passo Khardulg la ( 5359 mt). All'arrivo sistemazione in hotel. Pomeriggio, libero per le attività personali / Shopping.

10° Giorni: Leh - Delhi
Trattamento di Mezza Pensione .
In tempo utile, trasferimeno all'aeroporto e viaggio aereo per Delhi.
All'arrivo a Delhi, incontro con la guida locale parlante italiano e inizio la visita della citta' nuova e Vecchia Delhi. Il primo insediamento nell’area di Delhi risale al IX secolo, con la mitica città di Indraprashtra, capitale dei Pandava, gli eroi indù le cui gesta si ritrovano nel poema epico del Mahabharata.Seguì un periodo di feudalesimo con il dominio dei rajaput, aristocratici guerrieri musulmani. Nel corso dei secoli furono costruite sette città che subirono diverse incursioni dai territori circostanti. A partire dal 1526 Humayun e i suoi abili successori estesero l’impero oltre i confini di Delhi, dando luogo ad un tentativo di riunificazione del paese. L’ottava città fu costruita quando l’imperatore Shah Jahan spostò la capitale da Agra a Delhi. A questo periodo risale la costruzione dei principali monumenti della città. Con l’arrivo degli Inglesi, Calcutta fu scelta come capitale e solo nel 1911 la capitale fu riportata a Delhi. Il 9 febbraio 1931 il Viceré inglese inaugurò Nuova Delhi su progetto di Sir Edwin Lutyens ed Herbert Baker. La nuova città comprendeva gli edifici del governo, parlamento, due chiese e gran parte delle residenze che fanno parte della zona di rappresentanza. Nel 1947 Delhi è divenuta la capitale dell’India Indipendente.

Le soste saranno previste ai principali luoghi d’interesse: Nella città vecchia (Shahajahanabad), fatta costruire dal potente imperatore Mogul, Shah Jahan, era un tempo circondata da una cinta muraria d’arenaria rossa con quattordici porte di accesso. Affascinante e pittoresco dedalo di viuzze, è divisa in due parti dalla via “dell’Argento”, un susseguirsi colorato e vivace di botteghe e bazar.Nella stessa zona si potrà visitare la Jama Masjid, una delle più grandi moschee del mondo, edificata nel 1650, ha una struttura più severa rispetto agli edifici di uso civile voluti dall’imperatore. Dopo la visita , passeggiata nei vicoli di parte vecchia per avvicinarsi alla vita quotidiana che ci svolge. Infine visita del Raj Ghat, costruito in onore del Mahatma (grande anima in sanscrito) Gandhi, così chiamato dal grande poeta Tagore E alla fine sosta a Bangla Saheb, Al termine, delle visite, trasferimento in un ristorante per la cena d'arrivederci. Dopo cena trasferimento all'aeroporto e viaggio di rientro in Italia.

11° Giorni: Delhi - Italia
Partenza con il volo Intercontinentale