Triangolo D'oro

Durata : 7 Notti e 8 Giorni
Destinazioni : Delhi - Varanasi - Khajuraho - Orchha - Jhansi - Agra - Fatehpur Sikri - Abhaneri - Jaipur - Delhi

01° GIORNO: Arrivo a Delhi
Mahendra Travel Arrivo a Delhi con il volo di linea Intercontinentale. Dopo le procedure delle formalità doganali e il ritiro dei bagagli, incontro con il nostro personale locale e trasferimento in hotel e sistemazione in camera. ( Check in Sara’ previsto dalle Ore 12.00)
Dopo un riposino in hotel, l'incontro con l’autista e inizio alle visite di Nuova e Vecchia Delhi. Il primo insediamento nell’area di Delhi risale al IX secolo, con la mitica città di Indraprashtra, capitale dei Pandava, gli eroi indù le cui gesta si ritrovano nel poema epico del Mahabharata.Seguì un periodo di feudalesimo con il dominio dei rajaput, aristocratici guerrieri musulmani. Nel corso dei secoli furono costruite sette città che subirono diverse incursioni dai territori circostanti. A partire dal 1526 Humayun e i suoi abili successori estesero l’impero oltre i confini di Delhi, dando luogo ad un tentativo di riunificazione del paese. L’ottava città fu costruita quando l’imperatore Shah Jahan spostò la capitale da Agra a Delhi. A questo periodo risale la costruzione dei principali monumenti della città. Con l’arrivo degli Inglesi, Calcutta fu scelta come capitale e solo nel 1911 la capitale fu riportata a Delhi. Il 9 febbraio 1931 il Viceré inglese inaugurò Nuova Delhi su progetto di Sir Edwin Lutyens ed Herbert Baker. La nuova città comprendeva gli edifici del governo, parlamento, due chiese e gran parte delle residenze che fanno parte della zona di rappresentanza. Nel 1947 Delhi è divenuta la capitale dell’India Indipendente.

Le soste saranno previste ai principali luoghi d’interesse: Nella città vecchia (Shahajahanabad), fatta costruire dal potente imperatore Mogul, Shah Jahan, era un tempo circondata da una cinta muraria d’arenaria rossa con quattordici porte di accesso. Affascinante e pittoresco dedalo di viuzze, è divisa in due parti dalla via “dell’Argento”, un susseguirsi colorato e vivace di botteghe e bazar.Nella stessa zona si potrà visitare la Jama Masjid, una delle più grandi moschee del mondo, edificata nel 1650, ha una struttura più severa rispetto agli edifici di uso civile voluti dall’imperatore. Dopo la visita , passeGIORNOiata nei vicoli di parte vecchia per avvicinarsi alla vita quotidiana che ci svolge. Infine visita del Raj Ghat, costruito in onore del Mahatma (grande anima in sanscrito) Gandhi, così chiamato dal grande poeta Tagore E alla fine sosta a Bangla Saheb, il tempio Sikh.Al termine rientro in hotel e pernottamento.

02° GIORNO: Delhi - Varanasi
Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Mahendra Travel Dopo la prima colazione in hotel, continuazione con le visite di Nuova Delhi : i quartieri centrali dove si trovano i Palazzi del Governo; la Porta dell’India, arco eretto in memoria della prima guerra mondiale, il Palazzo del Parlamento E alla Fine La Tomba di Humanyun,imperatore mongolo del XVI secolo, è uno dei primi esempi di architettura mongola e ha in seguito influenzato l’architettura di molti edifici indiani, tra cui il Taj Mahal. Si tratta di un grande mausoleo circondato da un giardino diviso in quattro parti e attraversato da canali d’acqua corrente, che un tempo costituivano il fiume Jamna, che confluiscono nelle vallate circondanti il palazzo.Questo monumento funerario, costruito intorno all’anno 1570 per ordine della vedova di Humayun, Hamida Banu Begum, è stato nominato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Nell’edificio del mausoleo spicca la doppia cupola. Oltre ai resti di Humayun, nel complesso troviamo diverse tombe di molti altri esponenti di spicco della dinastia imperiale mongola. Al termine trasferimento all’aeroporto e Viaggio aereo per Varanasio Benares, la città più sacra dell'Induismo rappresenta l'essenza stessa dell'India. Era Kashi al tempo dei Veda; divenne poi Varanasi, dal fiume Varuna che scorre a Nord e dall'Assi che scorre a Sud, per essere poi deformata in Benares dagli Inglesi che non sapevano pronunciarne correttamente il nome.

Assistenza all’arrivo e proseguimento per la visita di Sarnath, uno dei luoghi più venerati, dove secondo la tradizione il Buddha avrebbe tenuto il suo primo sermone dopo l'illuminazione. Visita del Museo Archeologico, che annovera sculture di grande valore tra cui il superbo Buddha seduto (IVsec. d.C.) e il famoso capitello del pilastro di Ashoka (III sec. a.C.). Terminate le visite e partenza in direzione dei famosi Ghat per una camminata nei vicolidella città vecchia e assistersi la cerimonia religiosa Indù’ “Ganga Aarti” che si svolge sulle gradinate del fiume Gange. In serata, trasferimento in hotel e pernottamento.

03° GIORNO: Varanasi - Khajuraho
Mahendra Travel Al mattino presto, partenza con auto privato in direzione dei ghat per una escursione in barca sul sacro fiume Gange costeGIORNOiando i Bathing Ghats, le gradinate di pietra dove i pellegrini si recano a salutare il sorgere del sole con la preghiera e le abluzioni rituali. Uomini e donne si immergono tre volte di seguito nelle acque del Gange proferendo un'invocazione, sorseGIORNOiano qualche goccia d'acqua per ritrovare la purezza originale e, raccoltane in un recipiente, la portano al tempio insieme a fiori, alla canfora e all'incenso come offerta rituale alle divinità.

Successivamente passando per le viuzze della parte vecchia della città, si assistono le cremazioni dove accanto alle pire, si svolgono i riti funebri; sosta al tempio d'oro di Vishwanath (solo da Fuori), percorrendo il labirinto di stradine che si snodano nella piazza da dove si sale sull’auto e rientro in hotel per la Prima colazione.
In tempo utile trasferimento in aeroporto e Viaggio aereo per Khajuraho.
Arrivo a Khajuraho, L’eros che, inaspettatamente, diventa scultura in pietra in un luogo sacro simbolo dell’induismo: unico e irripetibile nel campo dell’architettura religiosa Indiana.Erette tra il 950 e il 1050, all’epoca della dinastia Chandela e oGIORNOi Patrimonio dell’Umanità Unesco, queste icone di una maestria artistica eccellente e di una imprevedibile spiritualità sensuale, elegante e provocante, appaiono come masse slanciate di guglie culminanti in una serie di fregi e sculture dal sapore altamente erotico e non solo. All’arrivo trasferimento in hotel e sistemazione nella camera già riservata.
Successivamente inizio la visita dello straordinario complesso templare, celebre per le sculture a soGIORNOetto erotico e dichiarato “Patrimonio dell’Umanità”. Si visiteranno i templi situati nel gruppo Occidentale, caratterizzati dalla straordinaria ricchezza dei particolari, e quelli del gruppo Orientale. Al termine rientro in hotel per il pernottamento.

04° GIORNO: Khajuraho – Orchha – Jhansi - Agra (180 km, 4/5 ore di Viaggio)
Prima Colazione e Pernottamento in hotel.
Mahendra Travel Al mattino partenza per Jhansi , lung oil percorso sosta per la visita di Orchha, piccola cittadina, antica capitale edificata nel 1531, che rappresenta una felice sintesi tra l'architettura induista tradizionale, quella indo-saracena e quella, più ricercata, dei Moghul. Tutto qui è ancora intriso dell'atmosfera del passato: l'imponente fortezza e i suoi palazzi, il Jahangir Mahal e il Raja Mahal, sono tra i più romantici di questo sito archeologico.
In tempo utile trasferimento in stazione Ferroviaria e partenza con Treno per Agra.
Assistenza all'arrivo in stazione dal nostro personale e trasferimento in hotel e sistemazione in camera prenotata.Pernottamento in hotel.

05° GIORNO: Agra
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Mahendra Travel La mattina è dedicata alla scoperta del Taj Mahal, (chiuso il venerdì). Questa imponente tomba di marmo bianco, è il più grande monumento fatto erigere per amore dall'imperatore Shah Jahan, per la sua sposa favorita, Mumtaz, morta durante il parto nel 1631.
La costruzione del Taj Mahal fu iniziata nel 1632 e terminata nel 1653. Alla sua realizzazione parteciparono 20.000 persone provenienti dall'India e dall'Asia centrale. I lavori furono diretti dagli architetti Ustad Ahmad Ma'mur Nadir al-Asqr e Ustad Hamid, ad esclusione di quelli della cupola a bulbo di 60 metri di altezza, opera dell'architetto turco Ismail Khan. Alla realizzazione del monumento parteciparono numerosi artisti e architetti, i cui singoli contributi purtroppo sono impossibili da riconoscere.

Il mausoleo rivestito di marmo bianco e ornato con delicati motivi floreali in pietre dure policrome, è costruito su una piattaforma larga 250 metri ai cui angoli si innalzano quattro minareti, e sorge in mezzo a giardini e specchi d'acqua, secondo la migliore tradizione islamica. L'edificio è di forma ottagonale, ed è dominato da una grande cupola a bulbo. Al centro si trova la sala della tomba, con grandi nicchie e porte che si aprono sulle altre sale e che sono decorate con rilievi in marmo bianco, opera dello scultore francese Austin di Bordeaux. Qui tuttavia è ubicata solo una finta sepoltura di Mumtaz, cinta da uno schermo di marmo traforato, incastonato con 43 tipi di pietre semipreziose; accanto il Cenotafio di Shah Jahan. Le tombe dove riposano realmente i corpi di Mumtaz e di Shah Jahan si trovano nella stanza chiusa al piano seminterrato, al di sotto della sala principale (è vietato fotografare la sala interna).

Al termine della visita, di prosegue per la visita del Forte di Agra, costruito a partire dal 1565 lungo le sponde del fiume Yamuna. Caratterizzato da una doppia cerchia di mura circolari, ha dimensioni davvero colossali: si eleva, infatti, per oltre 20 metri e presenta una circonferenza di oltre 2 chilometri. All'interno ci sono diversi padiglioni in pietra arenaria e marmo bianco che ricordano il periodo di splendore sotto il dominio della dinastia Mogol.

Alla fine sosta al "Piccolo Taj": il mausoleo di Itimad-ud-Daulah, tesoriere dell'impero e suocero di Jahangir, sorge sulla riva opposta dello Yamuna rispetto al Taj Mahal. E' noto come "piccolo Taj" per i numerosi elementi architettonici e decorativi che anticipano quelli del più celebre Taj Mahal. Si eleva su un alto e largo basamento in mezzo a giardini, con una sala centrale circondata da altre otto sale con quattro torri a forma di chiosco agli angoli. L'ultima visita sara' di Mehtab Bagh,situato sulla riva sabbiosa del fiume Yamuna proprio di fronte al mausoleo del Taj Mahal. Il luogo e' ideale per offrire una vista pittoresca del Taj Mahal dal lato del Fiume. Il nome Mehtab Bagh significa ' Il giardino della Luna ' e lo stesso è stato testimoniato dal bellissimo riflesso di Taj Mahal nella piscina di notte' che una volta c'era nel Mahtab Bagh. Si ritiene che il grande imperatore Shah Jahan, che costruì Taj Mahal per la sua regina, ne volesse uno identico a Mehtab Bagh. Tuttavia i reperti archeologici hanno dimostrato l'esistenza del complesso di giardini.Al termine delle visite, rientro in hotel per il pernottamento.

06° GIORNO: Agra - Fatehpur Sikri – Abhaneri - Jaipur (260 km, 5/6 ore di Viaggio)
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento.
Mahendra Travel Prosecuzione del Viaggio alla volta di Jaipur sostando lungo il tragitto ad Fatehpur Sikri e Abhaneri.
Fatehpur Sikri: magnifica città fantasma abbandonata subito dopo la sua costruzione. È il più tipico esempio di città murata moghul, misto di stile indù e islamico che riflette la visione filosofica degli imperatori di questa dinastia. Dopo l'abbandono forzato della città e i numerosi saccheGIORNOi subiti, quel che resta, mirabilmente conservato, è l'area del palazzo e la sua moschea, che si affacciano su una piazza molto ampia al cui centro si trova il Chaupar, una specie di gigantesca scacchiera un tempo animata da pedine viventi.

Abhaneri: un villaGIORNOio del Rajasthan nei pressi di Jaipur. Non è molto conosciuto e non è inserito nei tradizionali circuiti del turismo cosiddetto di "massa". L'attrazione turistica più importante di questo villaGIORNOio si chiama Chand Baori: si tratta di tredici grandi scalinate composte da 3.500 gradini, che conducono ad un pozzo profondo all'incirca una ventina di metri. La costruzione del Chand Baori risale circa all'ottavo secolo, questi pozzi, tipici dell'India, venivano usati come luoghi di refrigerio e riserva d'acqua per i periodi di siccità.
Al termine delle visite, continuazione del Viaggio e partenza per Jaipur,una delle città più affascinanti dell'India del Nord. Le decorazioni dei suoi palazzi sono veri e propri merletti in pietra, mentre lo stile dei suoi edifici rappresenta un felice sincretismo tra elementi architettonici rajasthani e quelli propriamente Moghul. Questa Città è anche nota come la Città Rosa. All'arrivo sistemazione in hotel e Pernottamento.

07° GIORNO: Jaipur
Mahendra Travel Trattamento di Prima colazione e pernottamento in hotel.
Al mattino è prevista un'escursione alla cittadella fortificata Amber (la salita sarà effettuata con la Jeep o adorso d'elefante), sarà possibile ammirare la sala della Vittoria, il Jai Mahal e il Tempio di Kalì. Il Forte di Amber è un comprensorio di palazzi e padiglioni posto sopra a una collina e circondato da un lago artificiale. All'interno conserva sale e stanze ornate e decorate preziosamente.

Successivamente si va alla scoperta di Jaipur visitando il Palazzo del Maharaja (City Palace) e l'Osservatorio Astronomico Jantar Mantar con sosta fotografica al Palazzo dei Venti. Il suo nome è Hawa Mahal, è in arenaria rosata e si sviluppa su otto piani. Le migliaia di nicchie e finestre sono intarsiate minuziosamente.Un tempo queste feritoie venivano usate dalle donne di corte per poter guardare ciò che accadeva nella città.
Al termine delle visite, si rientra in hotel per il pernottamento.

08° GIORNO: Jaipur - Delhi (260 km, 5/6 ore di Viaggio)
Trattamento di Mezza Pensione.
Mattinata di relax o attività Individuali. PomeriGIORNOio partenza con auto privata alla volta di Delhi, all'arrivo trasferimento per la cena in ristorante specializzato per la cucina Indiana.
In serata trasferimento all'aeroporto Internazionale e volo di rientro in Italia.

09° Giorno: Delhi - Italia
Partenza con il volo Intercontinentale.