Viaggio di Nozze Triangolo d'oro e Goa

Durata : 11 Notti e 12 Giorni
Destinazioni : Delhi - Agra - Fatehpur Sikri - Jaipur - Udaipur - Mumbai - Goa

01° GIORNO : ITALIA / DELHI
Mahendra Travel Arrivo a Delhi con il volo di linea Intercontinentale. Dopo le procedure delle formalità doganali e il ritiro dei bagagli, incontro con il nostro personale e trasferimento in hotel sistemazione nella camera gia’ prenotata e pernottamento in hotel.
(BENVENUTO TRADZIONALE)
All’arrivo in Hotel come da tradizione indiana di benvenuto, le ragazze in costume tradizionale indiano , si applica sulla fronte d’ogni partecipante il Tikka e si mette collana dei fiori a voi.In seguito, verrà servita il drink di benvenuto (non alcolico), successivamente verra’ consegnata la chiave della camera.Pernottamento in hotel (la camera sara’ dotata di biscotti e Cesto di frutta e una bottiglia di Vino Indiano all’insieme con cesto di frutta e biscotti / cioccolati con i nostri complimenti). Pernottamento in hotel.

02° GIORNO : DELHI
Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Mahendra Travel Dopo la prima colazione in hotel, continuazione con le visite di Nuova Delhi : i quartieri centrali dove si trovano i Palazzi del Governo; la Porta dell’India, arco eretto in memoria della prima guerra mondiale, il Palazzo del Parlamento E alla Fine La Tomba di Humanyun,imperatore mongolo del XVI secolo, è uno dei primi esempi di architettura mongola e ha in seguito influenzato l’architettura di molti edifici indiani, tra cui il Taj Mahal. Si tratta di un grande mausoleo circondato da un giardino diviso in quattro parti e attraversato da canali d’acqua corrente, che un tempo costituivano il fiume Jamna, che confluiscono nelle vallate circondanti il palazzo.Questo monumento funerario, costruito intorno all’anno 1570 per ordine della vedova di Humayun, Hamida Banu Begum, è stato nominato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Nell’edificio del mausoleo spicca la doppia cupola. Oltre ai resti di Humayun, nel complesso troviamo diverse tombe di molti altri esponenti di spicco della dinastia imperiale mongola. Al termine trasferimento all’aeroporto e Viaggio aereo per Varanasio Benares, la città più sacra dell'Induismo rappresenta l'essenza stessa dell'India. Era Kashi al tempo dei Veda; divenne poi Varanasi, dal fiume Varuna che scorre a Nord e dall'Assi che scorre a Sud, per essere poi deformata in Benares dagli Inglesi che non sapevano pronunciarne correttamente il nome. Assistenza all’arrivo e proseguimento per la visita di Sarnath, uno dei luoghi più venerati, dove secondo la tradizione il Buddha avrebbe tenuto il suo primo sermone dopo l'illuminazione. Visita del Museo Archeologico, che annovera sculture di grande valore tra cui il superbo Buddha seduto (IVsec. d.C.) e il famoso capitello del pilastro di Ashoka (III sec. a.C.). Terminate le visite e partenza in direzione dei famosi Ghat per una camminata nei vicolidella città vecchia e assistersi la cerimonia religiosa Indù’ “Ganga Aarti” che si svolge sulle gradinate del fiume Gange. In serata, trasferimento in hotel e pernottamento.

03° GIORNO: DELHI / ITIMAD- UD- DAULA / AGRA (205 KM, 4/5 ORE DI VIAGGIO)
Trattamento di Prima Colazione e Pernottamento in hotel.
Mahendra Travel Al mattino, partenza con automezzo privato alla volta di Agra con la sosta lungo il tragitto sosta alla tomba di Itimad- Ud- Daula, la tomba del persiano Mirza Ghiyas Bag, venuto a cercare fortuna alla corte dei Moghul.Era cresciuto alla corte di Akbar, guadagnando sotto suo figlio, Jehangir, quarto imperatore Moghul, la carica di Wazir (primo ministro) e il titolo di Itimad-Ud-Daulah (Pilastro del governo).Sua figlia Mehrunissa, nota come Nur Jahan (Luce del mondo), sposa di Jegangir, fece costruire la tomba tra il 1622 e il 1628 in uno stilo simile a quello della tomba da lei fatta costruire per Jehangir vicino Lahore, in Pakistan.E’ interessante notare che molti elementi nel suo disegno preannunciano il Taj Mahal, la cui costruzione iniziò solo pochi anni più tardi (è noto anche come il “piccolo Taj”).Al termine della visita trasferimento in hotel e sistemazione in camera.

(VISITA DEL TAJ MAHAL)
All’arrivo in hotel di Agra vi regaliamo a voi un abito tradizionale per uomo si chiama (Kurta Pyajama ) e per la donna (si chiama Sari, colore rosso o rosa)
Tardo pomeriggio incontro con la guida locale e si prosegue con un carro tradizionale con cavalo decorato per la visita del Taj Mahal all’arrivo si scende da carro e inizio la visita del Taj Mahal (chiuso il venerdì): monumento simbolo dell'India, nonché l'emblema mondiale dell'amore. Il mausoleo fu fatto infatti costruire dall’imperatore Shah Jahan in memoria della seconda moglie, Mumtaz Mahal, la cui morte di parto lo aveva prostrato a tal punto da incanutirlo in una notte sola. La sua costruzione iniziò nel 1631, l'anno stesso della morte di Mumtaz, e fu portata a termine nel 1653, coinvolgendo oltre 20.000 persone. Lo splendore impareggiabile dei suoi decori interni rende l’edificio suggestivo da ammirare sia da lontano, oltre il fiume, che da vicino. Al termine della visita del Taj rientro in hotel per il pernottamento.

04° GIORNO: AGRA / FATEHPUR SIKRI / JAIPUR (260 KM, 5/6 ORE DI VAIIGIO )
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento
Mahendra Travel Prima mattina si accede al Forte Rosso dal lato Sud, dalla Amar Singh gate, facendosi largo tra gli agguerritissimi venditori di qualsiasi cosa. Non tutto il forte è aperto al pubblico, ma la zona visitabile include tutti i principali edifici, magnifici giardini e una romantica vista del Taj Mahal in lontananza. Salita la rampa per gli elefanti, sulla destra si trova il bellisssimo Palazzo di Jahangir, costruito in origine da Akbar: due piani in arenaria rossa e pietra bianca con mensole, portali e intagli di stile indo-musulmano e corti interne che presentano pilastri, jalis e decorazioni tipicamente rajput, mentre l'esterno ricorda i primi monumenti di Delhi. Non si tratta però ancora della fusione di stili che avverrà in seguito, ma della giustapposizione di opere di artigiani di diversa tradizione e provenienza che solo col tempo confluiranno nel pieno stile moghul. Nei pressi, le rovine dell'Akbari Mahal, l'edificio più antico del forte.Alle spalle di questo si trova il Khas Mahal, sontuoso palazzo in marmo e stucchi decorato in stile centroasiatico, utilizzato da ShahJahan come residenza privata, con una grande corte circondata da vari appartamenti e terrazze e affiancato da due padiglioni laterali. Intarsi, trafori mirabili e balconcini si affacciano da un lato sul fiume (che sfortunatamente versa in pessime condizioni ecologiche) e dall'altro su di una piattaforma aperta sulla corte, fornita di fontane e giochi d'acqua fino alle aiuole dell'Anguri Bagh, presentando nel suo insieme alcune caratteristiche architettoniche prettamente persiane, ma nelle quali già si fondono perfettamente rielaborate le influenze rajput e gujarati. Ai lati del palazzo, separati da pareti di marmo, i due padiglioni a trifora dalla copertura in stile bengalì e cornicioni ricurvi, costruiti in arenaria e poi ricoperti in stucco lucidato a imitazione del marmo.sullo Yamuna si affaccia anche il Mussaman Burj sulla sinistra, una torre ottagonale con un padiglione aperto; vi si accede attraverso un appartamento magnifico, con una fonte al centro in forma di loto e splendidi intarsi floreali in pietre dure. Secondo la tradizione, è qui che fu imprigionato l'imperatoreShah Jahan, passando i suoi ultimi anni nella contemplazione del Taj Mahal, dove l'amata riposava per sempre. Al di sotto, davanti al fiume, due cinte murarie: una racchiudeva un fossato e l'altra ospitava tigri e leoni ad ulteriore monito e protezione.

Successivamente partenza alla volta di Jaipur. Lungo il tragitto sosta per ammirare la splendida Fatehpur Sikri. È il più tipico esempio di città murata moghul, misto di stile indù e islamico che riflette la visione filosofica degli imperatori di questa dinastia. Dopo l'abbandono forzato della città e i numerosi saccheggi subiti, quel che resta, mirabilmente conservato, è l'area del palazzo e la sua moschea, che si affacciano su una piazza molto ampia al cui centro si trova il Chaupar, una specie di gigantesca scacchiera un tempo animata da pedine viventi.

Al termine delle visite continuazione del viaggio per Jaipur, è comunemente chiamata la Città Rosa. Nel centro di Jaipur ogni edificio è dipinto di un unico colore "rosa" e non ci sono eccezioni. La ragione storica per il colore uniforme del centro di Jaipur si trova nel potere assoluto del Maharaja (Sawai Ram Singh) sulla sua capitale e nella strategia bizzarra studiata per impressionare il Principe Alberto durante il suo tour del 1876 in India. Il principe Albert trascorse 17 settimane impegnato dai doveri reali in tutto il subcontinente indiano, ma divenne triste e si stancò dei suoi impegni ufficiali poiché era lontano dalla sua cara moglie, la regina Vittoria. Per i leader indiani questa fu l'occasione ideale per rafforzare i legami con l'aristocrazia inglese e acquisire conoscenze personali con la famiglia reale britannica. Il Maharaja di Jaipur fu uno degli uomini più ricchi e potenti in India e impressionò la corte britannica come nessun altro.All’arrivo sistemazione in hotel e pernottamento
Il resto della giornata riservata per i trattamenti ayurvedici in hotel.

05° GIORNO: JAIPUR
Mahendra Travel Trattamento di Prima Colazione e pernottamento in hotel.
Al mattino è prevista la visita del Fort Amber (la salita sarà effettuata con la Jeep o a dorso d’elefante), situata a 11 km da Jaipur fu l’antica cittadella della famiglia reggente Kachwaha di Amber prima che trasferissero la capitale nella sede dell'attuale Jaipur.Fort Amber, situato su una pittoresca collina, é un chiaro esempio di architettura Hindu e Mogul ed é costruito con pietre arenarie rosse e marmo bianco; un muro esterno difendeva il forte da incursioni nemiche. Anche questo forte é suddiviso in diversi edifici, ognuno con le sue finalità: la sala delle udienze, gli appartamenti del maharaja, il palazzo delle donne (Zenana), ecc.Rientro in citta’ e inizio delle visite e conclusione della giornata facciamo un salto a vedere il celeberrimo Palazzo dei Venti o Hawa Mahal. Probabilmente è l’edificio più fotografato di Jaipur, ed a ragione. Costruito nel 1799 in arenaria rosa sembra un alveare alto 5 piani, finemente lavorato a nido d’ape. La particolarità di questo palazzo è unicamente nella sua facciata; all’interno si tratta di un comune edificio della profondità di una sola camera e un angusto corridoio. La lavorazione della facciata permetteva alle donne della corte reale di poter osservare ciò che accadeva nelle vie della città senza essere notate..Elaborato e fantasioso, ma nello stesso tempo limpido esempio d’arte orientale, l’osservatorio astronomico (Jantar Mantar) è un raggruppamento di assai complessi strumenti astronomici in pietra che ancora oggi fornisce misurazioni astronomiche accurate.Le visite terminano con il Palazzo del Maharaja (City Palace), del 19esimo secolo, è tuttora residenza del Maharaja di Jaipur. Sfarzosissimo, sembra che custodisca gli oggetti in argento più grandi al mondo. Nonostante il fatto che sia stato costruito, modificato e ampliato nel corso dei secoli, il City Palace raccoglie un insieme di stili architettonici particolarmente armonici. Il complesso è molto grande e riusciamo a vedere solo una piccola parte delle sale, dei cortili e degli edifici che raccoglie.

06° GIORNO: JAIPUR / UDAIPUR
Al mattino trasferimento all’aeroporto di Jaipur e viaggio in aereo per Udaipur, la Bianca, è una città bellissima. Preceduta da una campagna a tratti semi-desertica, sorprende con l'incantevole vista dei suoi palazzi in marmo candido riflessi sulle acque dei suoi laghi (sempre che non siano in secca, cosa che succede) circondati da verdi colline e giardini. Fu fondata da Udai Singh II del Mewar, Rajasthan, padre del celebre re rajput Pratap Singh I°, nel 1568 sulle rive del lago artificiale Pichola, secondo la leggenda su consiglio di un saggio eremita che il sovrano aveva incontrato durante una battuta di caccia. Pur entrando sotto l'influenza formale britannica dal 1818, il regno del Mewar rimase sostanzialmente sempre indipendente, come l'antica tradizione della casata prevedeva, ma a causa di ciò isolato e relativamente povero, anche per i continui impegni bellici in cui venne coinvolto.
All’arrivo assistenza e trasferimento in hotel.
Nel tardo pomeriggio abbiamo vi previsto un giro in barca sul lago Pichola per ammirare il tramonto. Al termine, rientro in hotel e pernottamento

07° GIORNO: UDAIPUR
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel
Al mattino incontro con la guida locale e inizio la visita di Udaipur che situate sul lago Pichola. Questo lago venne realizzato alla fine del XIV secolo quando Udai Singh fece questa città capitale del suo stato il Mewar, era da poco sfuggito ai Mughal da Chittaurgarh. Udai Singh era il capo del clan Sissodia, uno dei clan rajput più prestigioso, i quali facevano risalire la propria dinastia al dio Rama e al sole. Il lago è accentratore delle più disparate attività della popolazione di Udaipur. In particolare si vedrà il City Palace, il palazzo reale di Udaipur, fedele alromatico della città che viene chiamata anche “la Bianca” per il candore dei suoi palazzi che si riflettono nel lago , biancheggia nel sole del Rajasthan movimentato da balconi , logge e finestre a ogiva, mentre all’interno si accende di pitture murali e dei colori della pareti intarsiate di specchi e mosaici. Il tempio di Jagdish , dedicato al dio Vishnu.Nel tardo pomeriggio si trova nel centro storico davanti al lago Pichola, ci fermiamo a visitare il Saheliyon-ki-Bari detto anche il “giardino delle signore”. Questo splendido giardino lo volle il Maharana Sangram Singh II tra il 1710 e il 1734 AD per l’intrattenimento delle principesse e delle loro damigelle d’onore. Viene considerato uno dei giardini più belli dell’India e un esempio di quale fosse lo stile di vita e la quotidianità dei membri della famiglia reale.Al termine delle visite rientro in hotel. Il resto della giornata libera’ per le attivita’ personali.

08° GIORNO: UDAIPUR / MUMBAI / GOA
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel
Dopo colazione trasferimento all'aeroporto domestico e volo per Mumbai e volo in coincidenza per Goa
Assistenza all’Arrivo e trasferimento in hotel.
Il resto della giornata libera’ in spiaggia e relax. Pernottamento in hotel.

09° Giorno: GOA
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Intera giornata dedicata alla visita di Goa. Si vedranno la Vecchia Goa, le piu' importanti Cattedrali e Chiese: Se-Cathedral, Church of St. Francis Xavier, St. Catherine's Church, Arch of Vice Roy of Goa. Miramar Beach - Quest'ultima e' l'unica spiaggia vicina alla citta' e ha un bel panorama sul fiume Mandovi che sfocia sul mare. Rientro in hotel per il pernottamento.

10° Giorno: GOA
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Intera giornata libera’ per le proprie attivita' personali e rilassarsi sulla spiaggia.
Pernottamento in hotel.

11° Giorno: GOA
Trattamento di Prima colazione e Pernottamento in hotel.
Intera giornata libera per le proprie attivita' personali e per rilassarsi sulla spiaggia. pernottamento in hotel.

12° Giorno: GOA / MUMBAI / ITALIA
Partenza con il volo Intercontinentale.