Darjeeling

Darjeeling è una città e un comune dell’Himalaya orientale in India, situata a un’altitudine media di 2.045 metri (6.709 piedi) nella regione più settentrionale dello stato del Bengala occidentale. Il Kangchenjunga, la terza montagna più alta del mondo, sorge a nord ed è ben visibile nelle giornate limpide. Il tè Darjeeling viene coltivato sui pendii sottostanti la città e la ferrovia a vapore dell’Himalaya Darjeeling attira i turisti per l’esperienza dei viaggi della fine del XIX secolo. Darjeeling è anche la sede del distretto di Darjeeling, una regione semi-autonoma governata dall’amministrazione territoriale del Gorkhaland.

All’inizio del XIX secolo durante il governo della Compagnia delle Indie Orientali in India, Darjeeling fu identificato come un potenziale ritiro estivo per gli amministratori e i soldati britannici. Lo stretto crinale montuoso fu affittato dal Regno del Sikkim e infine annesso all’India britannica. Migliaia di lavoratori furono portati dai vicini regni himalayani per ripulire le foreste e costruire cottage in stile britannico. La pianta del tè è stata sperimentata e si è trovata a prosperare nel suolo del Darjeeling. Il tè Darjeeling divenne famoso in tutto il mondo e fu fonte di grandi entrate. Nel 1881, la Darjeeling Himalayan Railway, una ferrovia di montagna a scartamento ridotto che collegava la città alle pianure del Bengala settentrionale, fu completata per trasportare merci e consentire un più facile accesso ai residenti estivi. Un gran numero di scuole private sono state istituite nella regione per l’educazione dei bambini degli inglesi domiciliati in India. Negli ultimi anni del dominio britannico, Darjeeling divenne un punto di partenza per le spedizioni himalayane e, dopo l’indipendenza dell’India, una cittadina, Tenzing Norgay, fu tra i primi a scalare l’Everest. Quando gli inglesi lasciarono Darjeeling, i suoi cottage furono acquistati da ricchi indiani delle pianure e le sue piantagioni di tè da imprenditori e conglomerati indiani fuori città. Dopo il 1959, i profughi dal Tibet si riversarono nell’area di Darjeeling, fondando nella regione monasteri buddisti tibetani. Darjeeling e la vicina Kalimpong erano i centri dei movimenti per l’autonomia politica e amministrativa della regione, il più notevole dei quali fu il movimento Gorkhaland degli anni ’80.

La popolazione di Darjeeling oggi è costituita in gran parte dai discendenti dei lavoratori impiegati nello sviluppo originario della città: le persone Lepcha, Khampa, Kirati, Gorkha, Newari, Sherpa e Bhutia. Sebbene la loro lingua franca, la lingua nepalese, sia stata dichiarata lingua ufficiale dello stato del Bengala occidentale nel 1961 e della Repubblica dell’India nel 1992, la loro condizione economica non è migliorata tanto quanto quella di altri gruppi etnici della città. Alcuni residenti di Darjeeling hanno cercato opportunità economiche stagionali o permanenti in altre parti dell’India. Come i migranti provenienti da altre regioni dell’India nord-orientale, sono stati oggetto di discriminazione e razzismo in alcune città indiane. Le scuole dell’era britannica di Darjeeling, la maggior parte delle quali ancora esistenti, attirano bambini delle classi superiori dell’India e anche dall’estero. Il tè Darjeeling, coltivato nelle zone più alte delle sue colline, continua ad essere tra i più costosi al mondo, ma ai piedi delle colline di Darjeeling vengono coltivati ​​anche alcuni dei tè più economici dell’India. Questi dopo essere stati commercializzati a livello nazionale in versioni “istantanee” negli anni ’50, hanno trasformato l’India in una nazione di bevitori di tè. La Darjeeling Himalayan Railway rimane pienamente operativa e ha alcune delle poche locomotive a vapore in servizio in India. Dopo una campagna internazionale e nazionale per il suo sostegno, la ferrovia è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1999. La ricerca della statualità per la regione continua a rivelarsi sfuggente.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.