Tempio del Sole di Konark

Tempio del Sole di Konark

Il tempio del sole di Konark è un tempio del sole del XIII secolo d.C. (anno 1250) a Konark a circa 35 chilometri (22 miglia) a nord-est dalla città di Puri, sulla costa nel distretto di Puri, Odisha, in India. Il tempio è attribuito al re Narasimhadeva I della dinastia del Gange orientale intorno al 1250 d.C.

Dedicato al dio del sole indù Surya, ciò che resta del complesso del tempio ha l’aspetto di un carro alto 100 piedi (30 m) con immense ruote e cavalli, tutti scolpiti nella pietra. Un tempo alto più di 200 piedi (61 m), gran parte del tempio è ora in rovina, in particolare la grande torre shikara sopra il santuario; un tempo questo è salito molto più in alto del mandapa che rimane. Le strutture e gli elementi sopravvissuti sono famosi per le loro intricate opere d’arte, iconografia e temi, comprese le scene erotiche di kama e mithuna. Chiamato anche Surya Devalaya, è un’illustrazione classica dello stile architettonico dell’Odisha o dell’architettura di Kalinga.

La causa della distruzione del tempio di Konark non è chiara e rimane ancora fonte di controversia. Le teorie vanno dal danno naturale alla distruzione deliberata del tempio nel corso del saccheggio più volte da parte degli eserciti musulmani tra il XV e il XVII secolo. Questo tempio era chiamato la “Pagoda Nera” nei resoconti dei marinai europei già nel 1676 perché sembrava una grande torre a più livelli che sembrava nera.[6][8] Allo stesso modo, il Tempio di Jagannath a Puri era chiamato la “Pagoda Bianca”. Entrambi i templi fungevano da importanti punti di riferimento per i marinai nel Golfo del Bengala. Il tempio che esiste oggi è stato parzialmente restaurato dagli sforzi di conservazione dei team archeologici dell’era dell’India britannica. Dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1984, rimane un importante luogo di pellegrinaggio per gli indù, che si riuniscono qui ogni anno per il Chandrabhaga Mela intorno al mese di febbraio.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.